PRANA, TEJAS ED OJAS

sono le forme basilari e matrici di Vata, Pitta e Kapha che controllano il normale funzionamento psicofisiologico. A differenza dei dosha, che sono fattori di malattia, queste essenze promuovono la salute, la creatività, il benessere.

PRANA E' l'energia sottile dell'aria che genera il potere Vata, crea i movimenti per generare Tejas ed è responsabile della coordinazione del respiro, dei sensi e della mente.

Favorisce la longevità, il ringiovanimento e stimola il flusso dell'energia attraverso le nadi, conferendo alla mente chiarezza e profondità. Governa l'equilibrio e il processo di crescita, crea e sviluppa energia vitale e attiva la funzione immunitaria sostenendo tutti i processi di guarigione. Governa la coordinazione degli impulsi nervosi ed è il movimento di base del respiro. Il prana dà armonia, equilibrio, entusiasmo creatività e gioia.

Continua a leggere

sattva, rajas, tamas


La costituzione psicologica di una persona verrà determinata dalla prevalenza di una o due qualità mentali (sattva, rajas e tamas) al momento del concepimento. Questa può modificarsi nel tempo in base alle proprie esperienze e soprattutto alla consapevolezza. Le modalità di funzionamento della psiche sono 3:
Sattva è la qualità del pensiero pura. Le persone sattviche hanno una natura armoniosa e adattabile che permette di rimanere liberi da malattie fisiche e mentali. Hanno pace mentale, coltivano amore incondizionato, si prendono cura di se stessi e degli altri.
Rajas è la qualità del pensiero passionale. Le persone rajasiche hanno una buona energia ma la bruciano con un'attività eccessiva. La loro mente è agitata, sono impazienti e incapaci di affrontare i problemi.
Tamas è la qualità dell'inerzia e dell'oscurità. Le persone tamasiche sono inattive e represse. Vengono influenzati negativamente dagli altri e non si prendono la responsabilità della propria vita

Continua a leggere

vata, pitta, kapha
La prakriti rappresenta lo stampo, come il DNA, che determina le caratteristiche fisiche e mentali del soggetto.

I Dosha sono tre: VATA (30% spazio e 70% aria), PITTA (30% acqua e 70% fuoco) e KAPHA (30% terra 70% acqua).
Quando i Dosha sono in equilibrio siamo in piena salute ed efficienza mentale, quando invece uno o più Dosha sono in eccesso o in difetto creano squilibrio, VIKRITI, quindi l’insorgere del disturbo o malattia. La conoscenza della prakriti ci permette di evolvere verso lo stato di salute.
Per mantenere la prakriti di un individuo in equilibrio, quindi la salute, si lavora sul suo squilibrio (vikriti), seguendo il principio che L’OPPOSTO CREA EQUILIBRIO ED IL SIMILE SQUILIBRIA. La vikriti è una condizione di squilibrio della costituzione dovuto ad un'alterazione dei dosha. E' una condizione molto comune nella vita di oggi e lo squilibrio può essere causato dallo stile di vita scorretto, dieta inadeguata, età, abitudini comportamentali, tensione emotiva, cambiamenti stagionali, fuoco  digestivo basso e conseguente accumulo di tossine.
Secondo l’Ayurveda tutti gli uomini nascono con una propria costituzione, basata sulla diversa combinazione delle tre energie Vata, Pitta, Kapha. Esistono costituzioni:

Continua a leggere

base dell'Ayurveda

Il significato di Ayurveda è conoscenza della vita. Ci sono due classificazioni delle scuole Hindu, la prima è ASTIKA che racchiude le 6 scuole ortodosse hindu tra cui il Samkhya, la seconda è NASTIKA che racchiude il Buddismo, il Giaianismo, il Carvaka e l'Ajivika.
Nel Samkhya, la più antica scuola di pensiero indiana, viene descritto tutto ciò che ci guida nello yoga e nell'Ayurveda e il suo scopo è quello di aiutarci a trovare, attraverso i suoi insegnamenti, un modo definitivo per liberarci dalle sofferenze. Il Samkhya spiega il processo della creazione con 24 principi cosmici primari TATTVA. Vediamoli insieme:

Continua a leggere

Ayurveda Online - P.IVA 03543290047
Via Parea 11/C Grinzane Cavour - CN
Tel. 392 0773636 Mail. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Attività professionale di cui la Legge 14 Gennaio 2013, N°4


©2018 Ayurveda Online - Design by ADVERA Comunicazione